A scuola di “giornalismo, legalità e prevenzione”, l’iniziativa alla media “Sturzo” di Biancavilla

in Scuola di

Si è concluso il progetto “Promozione dello star bene, prevenzione delle dipendenze” promosso dalle associazioni “Diversamente Uguali” e “Il Cenacolo” di Biancavilla e destinato agli alunni della scuola media “Luigi Sturzo”.

I ragazzi, seguiti dai docenti interni, hanno avuto l’opportunità di partecipare tra aprile e maggio ad un ventaglio variegato di laboratori per esaltare le proprie inclinazioni personali, conoscere e approfondire alcuni temi e creare occasioni di confronto e di dibattito. Tra i vari laboratori quelli di Giornalismo, Legalità, Prevenzione dalle dipendenze, Sport, Informatica, Ceramica, Teatro e altro ancora che hanno visto impegnati gli studenti che, nei giorni scorsi, hanno presentato gli elaborati finali del progetto.

Per il progetto “giornalismo e prevenzione dalle dipendenze” sono intervenuti, insieme alla prof.ssa Anna Maria Petralia, l’educatore Tony Soffia della comunità di recupero per tossicodipendenti del “Cenacolo” di Biancavilla e il giornalista Vincenzo Ventura, direttore di “Symmachia”. I ragazzi della 3^ C hanno avuto, così, modo di conoscere le regole fondamentali del giornalismo, il confronto tra le diverse testate giornalistiche e sviluppare i concetti di libertà, di sviluppo della coscienza critica e l’importanza della comunicazione con gli altri.

Il prodotto finale è stata una grande prima pagina di un giornale, interamente costruita dai ragazzi ed in particolare Milena Chiara Carrà, Noemi Ventura, Delia Motta, Erica Lavenia e Susanna Navarria che hanno realizzato articoli e vignette. Ma il contributo è stato dell’intera classe che, nei lavori di gruppo, in classe ha partecipato con una certa curiosità ed interesse. Non a caso il nome del giornale è stato “Vitamina C”, “C”, come la sezione della classe coinvolta.

Interessante e assai significativo il lavoro svolto sui temi della legalità, con la realizzazione di cartelloni con immagini, articoli di giornale e scritte realizzate dai ragazzi seguiti dalle dott.sse Mariella Papotto e Antonella Distefano e dallo psicologo Alessio Leotta.

Non è mancato lo spazio per l’arte e la creatività con l’inaugurazione, peraltro, di un particolare prodotto che è stato collocato in uno dei corridoi della scuola. Così come per lo Sport, con il laboratorio di pallacanestro, curato da Giuseppe Corsaro e dalla prof.ssa Laura Dovì.

Nella foto – gli studenti della 3 C del Laboratorio di “Giornalismo e Prevenzione”