Bilancio consuntivo 2012, ecco i rilievi della Corte dei Conti ai Comuni di Adrano e Biancavilla
Adrano: stasera discussione in Consiglio
Biancavilla: intervento tecnico del Sindaco

in News/Politica di

Raffica di rilievi della Corte dei Conti al bilancio consuntivo del 2012 per decine di Comuni siciliani, fra cui Adrano e Biancavilla. Si tratta di un’attività di controllo che la Corte effettua annualmente sugli strumenti economico-finanziari degli Enti locali.

I magistrati hanno rilevato una serie di criticità, molte delle quali “fotocopia” fra le due città, nel senso che vengono utilizzate le stesse parole su almeno due o tre punti che, oggettivamente, sono quelli più spinosi e, spesso, legati ai tardivi trasferimenti delle risorse da parte dello Stato e della Regione e alla disastrosa vicenda rifiuti dell’era dell’Ato “Simeto Ambiente”. Aspetti, questi, con cui i Comuni devono fare fronte necessariamente: non a caso, vista l’approssimazione del Governo nazionale e regionale, i tempi per l’adozione del Bilancio di previsione si sono notevolmente allungati, portandosi addirittura a ridosso di fine anno, quando la spesa è stata di fatto effettuata, con poco margine di manovra per i Consigli comunali di “emendare” quel che rimane delle scelte politiche delle Amministrazioni.

Da una prima lettura delle delibere della Corte dei Conti – che Symmachia.it pubblica integralmente – lo scenario che viene fuori è assai preoccupante, al punto che, ad Adrano, dodici Consiglieri comunali (Salanitro, Franco, Sampieri, Alongi, Pellegriti, Bulla, Pulvirenti, Petralia, Ricca, Cusimano, Perni, Verzi e Caltabiano) hanno chiesto la convocazione urgente del Consiglio comunale per istituire una “Commissione di controllo e di garanzia” proposta consiglieri – leggi qui .

La proposta approderà in Consiglio comunale, questa sera, alle ore 20, per il dibattito fra Consiglieri e Amministrazione comunale. Vedremo come andrà a finire.

Fra le diverse considerazioni, alcune generiche, la Corte dei Conti entra nel merito di alcune scelte messe in atto dai Comuni. A Biancavilla i rilievi sono 8 (in una prima fase erano 18), mentre ad Adrano sono ben 11.

Le maggiori contestazioni in entrambe le nostre città riguardano:

1. “il frequente ricorso ad anticipazioni di cassa e la presenza di anticipazioni non rimborsate (per Adrano 18,97%, per Biancavilla 11,94%) delle entrate correnti, ben oltre il parametro obiettivo previsto del 5%”. Per Adrano viene quantificato anche un “utilizzo di fondi a specifica destinazione per impieghi di parte corrente non ricostituiti a fine esercizio” per una cifra a sei zeri: 4.084.096, 38 euro e 228.821,54 euro.

2. “il basso grado di riscossione dei tributi”. A tal proposito, una riflessione va fatta: chi sono, oggi, i maggiori creditori dei Comuni? La risposta è pressoché semplice: i cittadini. I cittadini devono fare i conti con bollette spesso caratterizzate da balzelli di cifre assai esose e non sostenibili. Basti pensare al servizio di raccolta dei rifiuti su cui tanto si potrebbe dire.  Insomma, il cane che si morde la coda…

3. la massiccia presenza di residui attivi e passivi;

4. la complicata situazione debitoria del Comune di Adrano. La Corte dei Conti snocciola le cifre davvero consistenti legate a debiti fuori bilancio riconosciuti (128.116,12 euro), a debiti ancora da riconoscere (201.866,12 euro) e, soprattutto, a debiti certi per appalti pubblici (2 milioni 954 mila euro), di parte capitale (1 milione 833 mila euro) e di parte corrente 5 milioni 847 mila euro). Inoltre, si menziona pure la delibera del Consiglio comunale per il Piano di rientro dei debiti dell’Ato “Simeto Ambiente” per la spaventosa cifra di 11 milioni 625 mila 959,23 euro.

5. interessante è anche la contestazione al Comune di Biancavilla su una “non corretta imputazione di talune voci tra i servizi conto terzi con particolare riferimento a cantieri di lavoro, bonus nascituro, contributo compartecipazione gita anziani, Tarsu/Tia istituzioni scolastiche” che avrebbero potuto incidere negativamente sul Patto di Stabilità che, per la cronaca, il Comune di Biancavilla ha finora rispettato.

ECCO LE DELIBERE DELLA CORTE DEI CONTI

Adrano – rilievi Corte dei Conti consuntivo 2012

Biancavilla – rilievi Corte dei Conti consuntivo 2012

 

In merito ai rilievi dei magistrati, nei giorni scorsi, il sindaco di Biancavilla Giuseppe Glorioso ha diffuso una nota alla Stampa in cui ha inteso sottolineare “l’attività di supporto della Corte” e ha replicato tecnicamente ai rilievi della Corte – leggi qui.

Adesso, la palla passa al Consiglio Comunale che dovrà adottare delle “misure correttive”, a distanza di due anni da quell’esercizio consuntivo, approvato dopo le elezioni amministrative del giugno 2013, aspetto, anche questo, contestato dalla Corte dei Conti, ritenuto un “ritardo non giustificabile”.

L’unico interrogativo che rimane è: come uscire dal pantano?

Documenti

Adrano – rilievi Corte dei Conti consuntivo 2012

Biancavilla – rilievi Corte dei Conti consuntivo 2012

Adrano – Proposta Consiglieri comunali

Biancavilla – L’intervento tecnico del sindaco Glorioso