Richiesto da chiese e santuari del mondo: il logo mariano del Giubileo è di Giovanni Stissi
Il desiderio di Francesco: avere l’Icona di Biancavilla in Vaticano

in Bacheca di

Dalla Francia al New Jersey, sta facendo il giro del mondo, il logo mariano ispirato all’Icona della Madonna dell’Elemosina di Biancavilla, realizzato dallo stimato grafico biancavillese Giovanni Stissi e lanciato dall’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”.

A richiederlo sono Enti ecclesiali, chiese e santuari internazionali per celebrare l’Anno Santo della Misericordia indetto da Papa Francesco. Il logo è spesso utilizzato insieme a quello ufficiale del Giubileo, presentato da mons. Rino Fisichella.

Tra le altre realtà che hanno provveduto ad utilizzare il logo con l’immagine della Madonna dell’Elemosina di Biancavilla vi è il Santuario dedicato alla Madonna del Guadalupe dell’Arcidiocesi di Pelotas in Brasile, dalla parrocchia di S. Emerenziana di Roma, delle parrocchie “SS. Pietro e Paolo” e “SS. Lorenzo e Marco”  della Diocesi di Vittorio Veneto, la parrocchia S. Giorgio Di Varignana di Castel San Pietro Terme e molte altre ancora.

Un logo che, evidentemente, ha colpito in modo particolare le diverse comunità. Ci si aspettava un simile successo? “No, con tutta sincerità non era nei nostri pensieri. Ha fatto tutto la Madonna. – spiega Giovanni Stissi, autore del logo – è la stessa sorpresa che abbiamo avuto quando abbiamo appreso che anche Papa Francesco ha apprezzato la bellezza della nostra Icona che porta il titolo proprio della Misericordia”.

IL DESIDERIO DI PAPA FRANCESCO: AVERE L’ICONA DI BIANCAVILLA IN VATICANO – UN’OCCASIONE DA REALIZZARE

Anche papa Francesco ha avuto modo di apprezzare particolarmente l’Icona della Madonna dell’Elemosina. A sottoporla alla sua visione è stata la Commissione che ha seguito la preparazione del Giubileo e che, adesso, cura per la Santa Sede le fasi di svolgimento dell’Anno Santo. A guidare la Commissione vaticana è mons. Rino Fisichella che, già alcuni anni fa, ha avuto modo di ammirare l’Icona direttamente a Biancavilla, in occasione della celebrazione del matrimonio di una coppia di biancavillesi. E’ lo stesso prelato a ricordare il piacevole episodio, in un’intervista telefonica all’emittente televisiva Video Star, pochi giorni fa.

Papa Francesco non ha avuto dubbi e ha indicato proprio l’Immagine di Biancavilla per l’apertura del Giubileo, l’8 dicembre, in piazza San Pietro.

E da Roma è giunta la chiamata alla Basilica di Biancavilla: “il Papa desidera la vostra Icona”. In pochissime ore la notizia ha fatto il giro della città biancavillese e il prevosto don Agrippino Salerno ha messo in moto la macchina organizzativa. Aspetti non di poco conto, considerato il valore artistico, oltre che religioso, dell’Icona bizantina, portata a Biancavilla, alla fine del 1400 dalla colonia di profughi greco-albanesi che, poi, fondarono la città. Aspetti tecnici e ragioni di sicurezza che si sarebbero messe di traverso. A ciò si aggiungerebbero alcune perplessità diocesane anche sui tempi. Ci auguriamo che il desiderio di papa Francesco venga rispettato, è un’occasione da non mancare per l’intera città. Adesso, si pensa già ai prossimi appuntamenti del Giubileo e, con ogni probabilità, l’Icona della Madonna (o una sua fedele riproduzione) sarà possibile ammirarla direttamente in San Pietro, accanto a papa Francesco.

 

Tags:

Latest from Bacheca

Go to Top