Rotonda dell’ex cavalcavia “San Paolo”: istituire un premio per ingegneria creativa

in Attualità di

Non c’è dubbio: la piccola rotonda collocata nei pressi dell’ex cavalcavia della Ferrovia Circumetnea in zona San Paolo merita un premio per ingegneria creativa. Un premio perché, ancora oggi, a distanza di alcune settimane, dalla riapertura del tratto di strada interessato dal vecchio ponte, non è comprensibile la sua utilità. Probabilmente, rappresenterà una semplice decorazione, una macchia bianca nel nuovo asfalto.

Come bisogna orientarsi con la “rotonda” o meglio la “rotondina” rimane un mistero, soprattutto per coloro che provengono da via San Paolo e intendono proseguire per raggiungere lo svincolo della superstrada, la statale 284. Chi l’ha pensata potrebbe spiegare? Anche perchè, ancora oggi, a distanza di molto tempo ormai, questa “rotonda” o meglio la “rotondina” rimane sprovvista della necessaria segnaletica verticale, come pure di quella orizzontale nel pezzettino di strada che è stata sistemata.

Ciò che emerge è approssimazione negli interventi, per un cantiere che è rimasto fermo per diverse settimane e riaperto, alla meno peggio, dopo le sollecitazioni in Consiglio comunale. Rimane la creatività, come già avvenuto per decine di altri interventi – spacciati per opere pubbliche – in altre strada e quartieri di Adrano. Sempre per restare nel quartiere San Paolo, le strade adiacenti alla chiesa risultano in condizioni pietose. Sono le stesse strada che sono state sistemate appena qualche anno fa: le mattonelle autobloccanti di colore bordeaux si stanno spostando, una dopo l’altra, per non parlare di diversi disagi lamentati dai residenti durante la pioggia.

*Foto tratta dal gruppo Fb “AdranoDreamers”